La comparsa dei teatri a Roma, dagli antichi a oggi

La comparsa dei teatri a Roma, dagli antichi a oggi

La comparsa dei teatri a Roma, dagli antichi a oggi

I primi teatri a Roma raccontano la storia dei primi insediamenti e lo sviluppo dell’antica città.

La città di Roma inizia a costruire veri e propri edifici teatrali nel I sec. a.C. Queste prime costruzioni erano in legno (definiti anche teatri provvisori) e tutti localizzati nell’area sud-occidentale del Campo Marzio. I teatri avevano la capacità di contenere migliaia di persone ma comunque insufficienti a contenere tutta la popolazione.

Il primo teatro stabile compare a Roma nel 13 a.C., successivamente venne edificato il teatro di Marcello e quello di Balbo. Complessivamente nel 17 a.C. erano attivi 3 teatri stabili, fino ad arrivare al 55 a.C. dove vennero costruiti oltre 500 teatri provvisori.

L’organizzazione degli spettacoli teatrali

Erano i magistrati che organizzavano gli eventi e le feste in accordo con le compagnie teatrali. Una volta avuto il mandato dal magistrato, il capo della compagnia teatrale provvedeva alla preparazione degli oggetti di scena, alla musica ed ai costumi. Le compagnie teatrali a loro volta ricevevano un compenso e un bonus extra in genere decretato dal pubblico.
La pubblicità per i spettacoli veniva fatta attraverso i manifesti con i programmi delle serate ed appesi in tutta la città.

L’ingresso agli spettacoli erano gratuito se finanziati dal governo di Roma ed era aperto a tutti.

I teatri di Roma antica

Teatro di Pompeo: è il primo vero teatro stabile nella città. Costruito da Pompeo Magno, è il primo complesso a due nuclei con dimensioni straordinarie. Il teatro, era considerato il più importante della città.

Teatro di Marcello: Voluto dall’imperatore Augusto nel 13 a.C. fu dedicato al nipote Marcello. Secondo per dimensioni solo al teatro di Pompeo, ospitare 15.000 spettatori.

Teatro di Balbo: il più piccolo teatro di Roma. Venne inaugurato nel 13 a.C. da Lucio Cornelio Balbo e poteva ospitare 7.700 spettatori.

Odeon di Domiziano:
voluto dall’imperatore Flavio era caratterizzato da una struttura imponente a quattro piani e poteva accogliere fino a 10.000 spettatori.

I teatri più importanti della Roma di oggi

Siamo arrivato ai giorni nostri, e non ci resta che elencare i migliori teatri di Roma. Le proposte degli spettacoli sono vaste, un elenco di offerte culturali per qualità, accoglienza e spazi a disposizione che non ha eguali in Italia.

I più importanti teatri di Roma sono:

  • Teatro Eliseo – Via Nazionale, 183 – Tel: 06 83510216
  • Teatro Sistina – Via Sistina, 129 – Tel: 06 4200711
  • Teatro Brancaccio – Via Merulana, 244 – Tel: 06 8068 7231
  • Teatro Vittoria – Piazza di Santa Maria Liberatrice, 8 – Tel: 06 5781960
  • Teatro Argentina – Teatro di Roma – Largo di Torre Argentina, 52 Tel: 06 6840 00314
  • Teatro Manzoni – Via Monte Zebio, 14 – Tel: 06 3223634
  • Teatro Flavio – Via Giovanni Mario Crescimbeni, 19 – Tel: 06 70497905
  • Teatro Trastevere – Via Jacopa de’ Settesoli, 3 – Tel: 06 5814004
  • Teatro Nazionale – Via del Viminale, 51 – Tel: 06 481601
  • Teatro Testaccio – Via Romolo Gessi, 8 – Tel: 06 5755482
  • Teatro Euclide – Piazza Euclide, 34/A – Tel: 06 8082511

Il Teatro Eliseo

“La cultura teatrale deve essere un punto non in discussione, ma uno strumento di sviluppo delle emozioni e delle creatività per le nuove generazioni.”

Roma è un museo a cielo aperto e merita di vedere realizzato un progetto in grado di creare sinergie tra teatri.

Un esempio per ridare alla capitale il suo ruolo di laboratorio teatrale per il futuro è l’Eliseo, un nuovo punto di partenza per riportare il teatro italiano al centro dell’agenda dei romani e della politica del nostro paese.

L’Eliseo
Nel corso degli anni hanno solcato il palco di questo teatro attori del calibro di Visconti e De Filippo.

Situato nella centralissima via Nazionale, sorto nella primavera del 1900 come teatro all’aperto con il nome di Arena Nazionale, nel maggio del 1918 prende il nome dalla nuova e definitiva insegna “Teatro Eliseo”.

Negli anni 80 e 90 continua ad ospitare spettacoli di qualità fino ad oggi dove ha continuato a essere il palcoscenico delle grandi produzioni mentre il Piccolo Eliseo è aperto alle nuove drammaturgie ai nuovi interpreti e registi.

La stagione 2018
Il Teatro Eliseo si prepara a una stagione 2018 molto ricca e variegata con una offerta mirata al mondo della scuola, un programma di percorso di alternanza scuola-lavoro, progetti condivisi, fra tutti la Giornata Mondiale del Teatro.

L’Eliseo e il Piccolo Eliseo continuano un cammino determinato verso i giovani. Grazie a efficaci collaborazioni con partner di grande interesse, l’Eliseo proseguirà ad essere la piattaforma delle condivisioni emotive delle nuove generazioni romane.

Novità assoluta è l’Accademia del Teatro Eliseo, un’istituzione universitaria con durata triennale che consentirà a molti giovani di conoscere meglio il teatro.
Infine il progetto collaterale che vuole dare rilievo a nuove forme espressive in programmazione con il nome Eliseo In Movimento.

Molto interessante è la collaborazione con il Teatro di Tor Bella Monaca, una realtà territoriale della periferia di Roma con molte difficoltà sociali, ma con una sua idea del ruolo della cultura del teatro nella società.

L’Eliseo si prepara alla nuova stagione dopo mesi di difficoltà per le incertezze sorte dai problemi economici, e dopo aver lanciato un disperato grido d’allarme, dove infine ha trionfato la cultura.

La nuova stagione percorre i classici, le grandi opere letterarie e va alla ricerca del presente percorrendo le emozioni del passato, ricercando negli autori contemporanei la bellezza dei grandi classici.

Per il 2018 sono previsti in tutto 25 spettacoli, tra cui 7 nuovi, una stagione che offrirà ricchezza di arte, cultura ed intrattenimento.

Il teatro Eliseo ci aspetta questo inverno con una risorsa culturale che rappresenta un esempio virtuoso da estendere anche alle altre realtà culturali.

Teatro a Roma

I migliori teatri di Roma

In questo articolo vi elenchiamo i migliori teatri di Roma, un vasto elenco di offerte culturali nell’ambito teatrale, per la qualità delle proposte, spazi a disposizione e accoglienza.

Teatro Brancaccio: E’ stato inaugurato nel 1916 con il nome di Teatro Morgana, solo successivamente prese il nome di Teatro Brancaccio. Progettato dall’architetto Luca Carimini e realizzato dall’ingegner Carlo Sacconi, situato fra Piazza di Santa Maria Maggiore e Piazza San Giovanni in Laterano, rappresenta uno dei più importanti teatri di Roma, per balletti e musical.

Teatro Sistina: Inaugurato nel 1949 come cinema/teatro è stato ideato come una sala immensa priva di colonne che permette una visione nitida del palco da qualsiasi angolo del teatro. Rappresenta uno dei maggiori teatri per la qualità delle opere in Italia, tanto da assumere il nome di teatro dei romani.

Teatro Argentina: Inaugurato nel 1732, il Teatro Argentina risalenti all’epoca di Augusto è, insieme al teatro India la raffigurazione della culturale Teatrale di Roma. All’interno è stato fondato il Museo Storico del Teatro, che è possibile visitare previa prenotazione. Il Teatro Argentina ospita rappresentazioni di prosa e manifestazioni musicali sia operistiche che sinfoniche.

Teatro Eliseo: Dal 2000 è il palcoscenico delle grandi produzioni. Inizialmente costruito interamente in legno, il Teatro Eliseo oggi non è solo uno spazio per spettacoli, ospita concerti, dibattiti, convegni, incontri, presentazioni, mostre, un ristorante e un bar. Il teatro Eliseo è un punto di riferimento nel panorama teatrale nazionale italiano.

Teatro dell’Opera di Roma: Il Teatro dell’Opera di Roma è stato edificato nel 1879, uno spazio artistico situato fra la Stazione Termini e le terme di Diocleziano, ed è un punto di riferimento culturale nel mondo della lirica.

Auditorium Parco della Musica: Denominato anche come la fabbrica della cultura, rappresenta la più grande struttura a livello europeo. Progettata dall’architetto Renzo Piano è caratterizzato da un grande complesso multifunzionale, l’opera urbanistica più autorevole dagli anni 60.

Teatro Olimpico: Costruito negli anni 30, è tutt’oggi una delle realtà culturali polivalente per Roma. E’ situato tra le nuove icone culturali romane come l’Auditorium del Parco della Musica, il Maxxi e il Ponte della Musica, un teatro impegnato nelle rappresentazioni di danza, cabaret e musica classica.

Sala Uno Teatro: Collocato fra le mura nel complesso del Santuario Pontificio della Scala Santa a Roma, è uno dei teatri di Roma più suggestivi. Propone una programmazione multidisciplinare finalizzata alla promozione di spettacoli di danza, teatro e musica affiancate alle classiche rappresentazioni di prosa con autori classici moderni e contemporanei.

Teatro Ambra Jovinelli: Anche chiamato Teatro Jovinelli, fu eretto nel 1909 per dare vita ad un teatro di varietà sfarzoso in stile liberty. Negli anni 40/50 fu adoperato come palasport e successivamente in cinema/varietà. Successivamente agli anni 50 si dedicò esclusivamente all’avanspettacolo e proiezioni cinematografiche. L’intera struttura prese fuoco nel 1982, per riaprire negli anni ’90 come teatro comico.

Teatro Quirino: Costruito nel 1871 per volontà del Principe Maffeo Sciarra, il Teatro Quirino ricopre un’offerta culturale ampia e variegata ospitando spettacoli di prosa, farse popolari e balletti, operette e stagioni liriche. All’interno troverete anche una libreria ed un Bistrot.